Novantanovesima puntata. Guidobaldo del Monte, il matematico che influenzò Galileo e Newton

Da sinistra, Newton, del Monte, Galileo e William R. Shea

Il grande matematico Guidobaldo del Monte (1545 – 1607) fu anche astronomo e filosofo (e ancor prima militare di prim’ordine per i duchi di Urbino). I suoi studi influenzarono in maniera determinante Galileo Galilei e, conseguentemente, Isaac Newton. Di lui ci parla lo storico della scienza William R. Shea.

Per vedere l’episodio, clicca qui.

Cinquantanovesima puntata. Vittorio Sgarbi e la fama di Federico Barocci

Vittorio Sgarbi, grandezza e limiti di Federico Barocci

Lo storico dell’arte Vittorio Sgarbi affronta un tema molto complesso per la storia dell’arte: per quale motivo un genio della pittura come Federico Barocci (1535 – 1612) non ha avuto fama pari a quella del concittadino Raffaello Sanzio? Sgarbi trova una sorprendente risposta.

Per vedere l’episodio, clicca qui.

Trentasettesima puntata. I 32 “gioielli” di sant’Egidio

La chiesa di sant’Egidio a Sant’Angelo in Lizzola di Pesaro e Urbino

Nella chiesa di sant’Egidio a Sant’Angelo in Lizzola (PU) sono presenti 32 dipinti del pittore Giovanni Battista Venanzi (1627 – 1705). I proprietari delle opere e della chiesa, i conti Cacciaguerra Perticari, vorrebbero ora trasformare l’edificio in un piccolo museo per preservarli assieme ad altri piccoli tesori.

Per vedere la puntata, clicca qui.

Trantaquattresima puntata. I tesori della Confraternita del Corpus Domini di Urbino

Madonna con bambino nella chiesa di san Francesco di Paola a Urbino, sede della Confraternita del Corpus Domini

Nella chiesa di san Francesco di Paola, nel centro storico di Urbino, si trovano sculture di gran valore, offuscate – nei secoli – da un pesante velo di tante mani di vernice. Un restauro le riporta allo splendore. A parlarne è il priore della Confraternita, Giuseppe Cucco.

Per vedere il video, clicca qui.

Nona puntata. Attenti ai pirati

Cosa poteva accadere quando si andava in spiaggia fino a duecento anni fa? O quando si navigava al largo? C’era il rischio di imbattersi nei pirati, con il conseguente rischio di essere rapiti (per ottenere un riscatto) o uccisi. Dai documenti d’archivio emergono storie che sembrano uscite dalla trama di un film.

Per vedere la puntata, clicca qui.